NEWS

Resto al Sud, una nuova misura di sostegno all’imprenditoria giovanile

Si chiama Resto al Sud la nuova misura prevista nel “decreto Sud” a sostegno della nascita e della crescita di nuove imprese giovanili del Mezzogiorno. L’intervento agevolativo è rivolto ai giovani tra i 18 e i 35 anni di età residenti in Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Puglia, Campania, Calabria Sicilia che hanno costituito o intendono costituire imprese individuali o società, comprese le cooperative, con sede legale o operativa in una di tali regioni. Sono agevolati i progetti relativi alla produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato o dell’industria, ovvero relativi alla fornitura di servizi. Sono escluse le attività libero professionali e del commercio. Gestore della misura è Invitalia.

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dalla nuova misura “Resto al Sud” i giovani tra i 18 e i 35 anni di età residenti in Abruzzo, Molise, Sardegna, Basilicata, Puglia, Campania, Calabria e Sicilia che hanno costituito o intendono costituire (entro 60 giorni dalla data di comunicazione di ammissione alle agevolazioni) imprese individuali o società, comprese le cooperative, con sede legale o operativa in una di tali regioni.

Le società possono essere costituite anche da soci che non abbiano un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, purché la presenza di tali soggetti nella compagine societaria non sia superiore ad un terzo dei componenti e non abbiano rapporti di parentela fino al quarto grado con alcuno degli altri soci.
Ai fini dell’ammissibilità, i giovani non devono aver ricevuto negli ultimi 3 anni benefici relativi all’autoimprenditorialità e non devono avere contratti di lavoro a tempo indeterminato.

Iniziative ammissibili

“Resto al Sud” finanzia tutte le attività ad esclusione di quelle professionali e del commercio.
Sono pertanto ammissibili i progetti relativi:
- alla produzione di beni nei settori dell’agricoltura, dell’artigianato o dell’industria;
- alla fornitura di servizi.
 

Tipologia di agevolazioni

Le agevolazioni saranno concesse ai sensi e nei limiti del regime “de minimis”, di cui ai Regolamenti (UE) n. 1407/2013 e n. 1408/2013, e consisteranno in un finanziamento fino ad un massimo di 50.000 euro per ciascun richiedente.
Qualora l’istanza sia presentata da più soggetti in forma societaria, il finanziamento sarà di 50.000 euro a socio fino a un massimo di 200.000 euro a società.
Concretamente, l'intervento finanziario per il 35% sarà a fondo perduto e per il restante 65% dovrà essere rimborsato in 8 anni a tasso zero (di cui i primi 2 anni di pre-ammortamento) a tasso zero.
 

Spese ammissibili

Sono finanziabili:

  • interventi per la ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (massimo 30% del programma di spesa);

  • impianti, attrezzature, macchinari nuovi;

  • programmi informatici e servizi TLC (tecnologie per l’informazione e la telecomunicazione);

  • altre spese utili all’avvio dell’attività (materie prime, materiali di consumo, utenze e canoni di locazione, canoni di leasing, garanzie assicurative nel limite del 20% massimo del programma di spesa).

Presentazione delle domande

Le domande di accesso ai finanziamenti possono essere presentate, fino ad esaurimento delle risorse stanziate, a Invitalia in via telematica, che dovrà valutare il progetto proposto entro 60 giorni.
 

Al fine della verifica di pre-fattibilità, i soggetti  interessati a richiedere l’agevolazione possono inviare preliminarmente all’indirizzo e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. le seguenti informazioni:

                      Dati anagrafici del richiedente o dei futuri soci nel caso di costituenda società (nome, cognome, età e recapiti telefonici);

Tipologia di attività imprenditoriale che si vuole avviare;

Regione in cui si vuole avviare l'attività imprenditoriale;

Tipologia di spese che si intende effettuare attraverso l’agevolazione e l’importo dell’investimento previsto;

Altre informazioni e/o esigenze aziendali utili allo sviluppo del business plan.

I soggetti che avranno inviato le suddette informazioni preliminari, saranno successivamente ricontattati da un nostro Consulente al fine di fornire tutte le informazioni sulla fattibilità del progetto e per l’eventuale assistenza nella predisposizione, nello sviluppo del business plan e nell’invio della domanda di agevolazione a Invitalia.
Letto 21392 volte Ultima modifica il Venerdì, 05 Gennaio 2018 20:51

Il Network

BFTL, attraverso il proprio di Team di Professionisti altamente qualificati, è il Consulente Globale delle imprese italiane garantendo servizi professionali e di qualità con una presenza capillare in Italia e all'Estero.

 

© 2016 BFTL Global Consulting. All Rights Reserved. Designed by Sandro Airaldi

Search

Questo sito usa i cookies solo per facilitarne il suo utilizzo aiutandoci a capire un po' meglio come lo utilizzi, migliorando di conseguenza la qualità della navigazione tua e degli altri. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

  I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive Module Information